Banca Mediolanum -0,22% 6,85

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 30 marzo 2017 17.35

Il commento dell'esperto

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 30 marzo

Debole la giornata per la società che opera nel settore bancario e assicurativo, che porta a casa un calo dello 0,22%.
La partenza è stata difficile per il titolo che è partito a 6,85 Euro sopra il livello più basso della giornata precedente evidenziando una discreta tenuta nel corso della sessione.
Su base settimanale, il trend del titolo è più solido rispetto a quello del FTSE MIB. Al momento, quindi, l'appeal degli investitori è rivolto con più decisione a Banca Mediolanum rispetto all'indice di riferimento.

Analisi di Status e trend

Le implicazioni di breve periodo della società del risparmio gestito sottolineano l'evoluzione della fase positiva al test dell'area di resistenza a 6,917. Possibile una discesa fino al bottom 6,732. Ci si attende un rafforzamento della curva al test di nuovi target a 7,102.

Analisi del rischio

Banca Mediolanum risulta essere al centro dell'attenzione soprattutto di quegli investitori propensi al rischio, visto il livello di volatilità giornaliera che si posiziona a 2,319. L'operatività va vista soprattutto in un'ottica di breve periodo poiché i volumi intraday 1.239.754 risultano inferiori rispetto alla media mobile dei volumi dell'ultimo mese fissata a 2.227.611.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 6,917Resistenza 1
  • 7,102Resistenza 2
  • 6,85Prezzo di chiusura
  • 6,732Supporto 1
  • 6,613Supporto 2
  • 2,319Volatilità (giornaliera)
  • 5,394Value at Risk
  • +3,08%Rendimento (settimana)
  • +1,62%FTSE MIB (settimanale)
  • +2,23%Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa