Banca Mediolanum -1,50% 7,2

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 18 agosto 2017

Il commento dell'esperto

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 18 agosto

Chiusura in rosso per la società che opera nel settore bancario e assicurativo, che termina la seduta segnando un calo dell'1,50%.
Nella giornata abbiamo assistito ad un avvio debole ed apertura a 7,225 Euro, sotto i minimi della seduta precedente, seguito da un indebolimento che persiste nella giornata, e chiusura a 7,2 in prossimità dei minimi di seduta.
La tendenza ad una settimana di Banca Mediolanum è più fiacca rispetto all'andamento dell'indice di riferimento. Tale cedimento potrebbe innescare opportunità di vendita del titolo da parte del mercato.

Analisi di Status e trend

Analizzando lo scenario della società del risparmio gestito si evidenzia un ampliamento della fase ribassista al test del supporto 7,105. Prima resistenza a 7,32. Le attese sono per un prolungamento della linea negativa verso nuovi minimi a 7,01.

Analisi del rischio

Il trend di Banca Mediolanum appare piuttosto stabile nell'ultimo periodo, con un livello di volatilità giornaliera decisamente contenuto a 1,649. I volumi giornalieri pari a 1.078.789, risultano superiori alla media mobile dei volumi ad un mese fissata a 893.544, situazione che invoglia ad un'operatività di medio periodo per l'interesse mostrato da parte degli investitori.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 7,32Resistenza 1
  • 7,535Resistenza 2
  • 7,2Prezzo di chiusura
  • 7,105Supporto 1
  • 7,01Supporto 2
  • 1,649Volatilità (giornaliera)
  • 3,837Value at Risk
  • +0,98%Rendimento (settimana)
  • +2,16%FTSE MIB (settimanale)
  • +15,76%Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa