Generali Ass -2,84% 13,7

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 27 febbraio 2017 17.41

Il commento dell'esperto

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 27 febbraio

Aggressivo ribasso per il Leone di Trieste, che flette in maniera scomposta, archiviando la sessione con una perdita del 2,84%.
La partenza è stata difficile per il titolo che in apertura ha segnato 13,4 Euro, proponendo prezzi inferiori al bottom della sessione precedente, per poi migliorare sensibilmente durante la seduta e fissare gli ultimi prezzi a 13,7 a ridosso dei massimi della giornata.
L'analisi settimanale del titolo rispetto al FTSE MIB mostra un cedimento rispetto all'indice in termini di forza relativa di Generali Assicurazioni, che fa peggio del mercato di riferimento.

Analisi di Status e trend

Analizzando lo scenario della compagnia assicurativa si evidenzia un ampliamento della fase ribassista al test del supporto 13,39. Prima resistenza a 14,31. Le attese sono per un prolungamento della linea negativa verso nuovi minimi a 13,09.

Analisi del rischio

L'investimento presenta un rischio di guadagno/perdita decisamente elevato, con la volatilità giornaliera che si posiziona a 2,44. Gli investitori propensi al rischio sembrano essere fortemente interessati a Generali Assicurazioni, visto l'elevato livello dei volumi giornalieri a 16.724.105, che risulta essere superiore rispetto alla media mobile a 13.459.226.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 14,31Resistenza 1
  • 15,23Resistenza 2
  • 13,7Prezzo di chiusura
  • 13,39Supporto 1
  • 13,09Supporto 2
  • 2,44Volatilità (giornaliera)
  • 5,677Value at Risk
  • -5,11%Rendimento (settimana)
  • -2,16%FTSE MIB (settimanale)
  • +17,70%Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa