QuiFinanza

Pubblicato il 01/12/14 in Finanza | Fonte: Teleborsa

Petrolio ancora giù. Pesano crisi e OPEC

(Teleborsa) - Il petrolio resta sotto pressione, anche se questa mattina si era registrato un vero e proprio tracollo delle quotazioni, che aveva portato il prezzo della qualità WTI su un minimo di 63,72 dollari e quello del Brent a 67,53 dollari, sui minimi dall'estate del 2009, in piena recessione post crisi finanziaria.

A penalizzare il greggio, oltre al nulla fi fatto dell'OPEC, anche i pessimi dati dei PMI arrivati dalla Cina e dall'Eurozona.

Nel frattempo, il Light Crude limita la flessione nello 0,79% a 65,63 dollari. Il Brent, nel contempo, registra una discesa dello 0,61% a 69,72 dollari.

Operativamente ci si attende un'estensione all'ingiù della curva, con area di supporto vista a 64,17 e 62,72 per il Light crude ed a 68,05 e successiva a quota 66,38 per il Brent. Le indicazioni non costituiscono invito al trading.
(A cura dell'Ufficio Studi Teleborsa)

Teleborsa

© Italiaonline S.p.A. Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963