Exprivia +1,15% 0,88

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 20 settembre 2019

Il commento dell'esperto

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 20 settembre

Modesto recupero sui valori precedenti per il leader in Italia nella consulenza di processo, nei servizi tecnologici e nelle soluzioni di information technology, che conclude in progresso dello 0,34%.
L'esordio è stato positivo per il titolo che è partito a 0,874 Euro, collocandosi al di sotto dei livelli migliori del 19 settembre, evidenziando una discreta tenuta nel corso della sessione.
La tendenza ad una settimana di Exprivia è più fiacca rispetto all'andamento dell'indice di riferimento. Tale cedimento potrebbe innescare opportunità di vendita del titolo da parte del mercato.

Analisi di Status e trend

Lo scenario di breve periodo di Exprivia evidenzia un declino dei corsi verso area 0,8633 con prima area di resistenza vista a 0,8893. Le attese sono per un ampliamento della fase negativa verso il supporto visto a 0,8537.

Analisi del rischio

L'investimento presenta un rischio di guadagno/perdita decisamente elevato, con la volatilità giornaliera che si posiziona a 2,584. Gli investitori propensi al rischio sembrano essere fortemente interessati a Exprivia, visto l'elevato livello dei volumi giornalieri a 80.210, che risulta essere superiore rispetto alla media mobile a 64.540.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 0,8893Resistenza 1
  • 0,9153Resistenza 2
  • 0,873Prezzo di chiusura
  • 0,8633Supporto 1
  • 0,8537Supporto 2
  • 2,584Volatilità (giornaliera)
  • 6,011Value at Risk
  • -3,85%Rendimento (settimana)
  • +0,18%FTSE Italia Star (settimanale)
  • -33,15%Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa