Hermes Intl +0,53% 610

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 18 aprile 2019

Il commento dell'esperto

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 18 aprile

Piccolo spunto rialzista per la maison di moda francese, che allunga il passo mettendo a segno un rialzo dello 0,53%.
L'inizio di giornata è stato sottotono per il titolo che ha segnato un primo prezzo a 604,6 Euro, sopra il livello inferiore di ieri, per poi proseguire in ascesa nel corso della sessione e terminare in volata a 610, prossimo al valore più alto della seduta.
La trendline del titolo su base settimanale si muove parallelamente a quella dell'indice di riferimento, ad evidenza del fatto che il movimento di Hermes subisce la pressione del mercato a cui fa riferimento, piuttosto che di eventi legati al titolo stesso.

Analisi di Status e trend

Allo stato attuale lo scenario di breve di Hermes rileva una decisa salita con obiettivo individuato a 613,7. In caso di momentanea correzione fisiologica il target più immediato è visto a quota 602,7. Le attese sono tuttavia per un innalzamento della curva fino al top 624,7.

Analisi del rischio

L'operatività sul titolo appare predisposta soprattutto per quegli investitori avversi al rischio. Il trend si conferma piuttosto costante, con conferme che ci giungono anche dall'incremento dei volumi pari a 72.754 rispetto alla media mobile dei volumi dell'ultimo mese fissata a 59.763.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 613,7Resistenza 1
  • 624,7Resistenza 2
  • 610Prezzo di chiusura
  • 602,7Supporto 1
  • 595,3Supporto 2
  • 1,269Volatilità (giornaliera)
  • 2,951Value at Risk
  • +1,84%Rendimento (settimana)
  • +1,41%CAC40 (settimanale)
  • +18,22%Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa