Adobe -2,43% 478,9

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 17 giugno 2024

Il commento

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 17 giugno

Ribasso composto e controllato per Adobe, che archivia la sessione in flessione del 2,43% sui valori precedenti.
Nella giornata abbiamo assistito ad un avvio con forza ed apertura a 494,2 Euro, sotto i massimi della seduta precedente, seguito da un indebolimento che persiste nella sessione e chiusura più debole a 478,9 in prossimità dei minimi di seduta.
Se si confronta l'andamento del titolo con l'indice FTSE MIB, su base settimanale, Adobe mantiene forza relativa positiva rispetto all'indice, dimostrando un maggior apprezzamento da parte degli investitori rispetto all'indice stesso (performance settimanale +13,89%, rispetto a -5,76% del principale indice della Borsa di Milano).

Analisi di Status e trend

Le implicazioni di breve periodo di Adobe sottolineano l'evoluzione della fase positiva al test dell'area di resistenza a 504,5. Possibile una discesa fino al bottom 439,6. Ci si attende un rafforzamento della curva al test di nuovi target a 569,5.

Analisi del rischio

L'operatività sul titolo appare predisposta soprattutto per quegli investitori avversi al rischio. Il trend si conferma piuttosto costante, con conferme che ci giungono anche dall'incremento dei volumi pari a 233 rispetto alla media mobile dei volumi dell'ultimo mese fissata a 212.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 504,5Resistenza 1
  • 569,5Resistenza 2
  • 478,9Prezzo di chiusura
  • 439,6Supporto 1
  • 400,3Supporto 2
  • 1,635Volatilità (giornaliera)
  • 3,804Value at Risk
  • +13,89%Rendimento (settimana)
  • -5,76%FTSE MIB (settimanale)
  • INV.Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa