Alphabet Classe A +0,03% 1.283

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 28 maggio 2020 13.04

Il commento dell'esperto

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 27 maggio

Seduta trascurata per Alphabet Classe A, che archivia la giornata con un timido +0,03%.
La partenza è stata in sintonia con i valori di chiusura precedenti per poi proseguire debole con prezzi decrescenti nel corso della riunione.
La tendenza ad una settimana di Alphabet Classe A è più fiacca rispetto all'andamento dell'indice di riferimento. Tale cedimento potrebbe innescare opportunità di vendita del titolo da parte del mercato.

Analisi di Status e trend

Lo status di medio periodo ribadisce la fase positiva di Alphabet Classe A. Tuttavia, se analizzato nel breve termine, evidenzia un andamento meno intenso della tendenza rialzista al test del top 1.306,9. Primo supporto a 1.269,7. Le implicazioni tecniche propendono per un sviluppo in senso ribassista in tempi brevi verso l'imminente bottom stimato a quota 1.256,7.

Analisi del rischio

I volumi giornalieri pari a 285 risultano essere superiori alla media mobile dei volumi ad un mese fissata a 237, denotando un forte interesse su Alphabet Classe A da parte del mercato. Lo scostamento tra prezzi contenuto, con la volatilità giornaliera che assume un valore pari a 1,969, sta ad indicare un investimento maggiormente indicato a soggetti avversi al rischio.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 1.306,9Resistenza 1
  • 1.344,1Resistenza 2
  • 1.282,6Prezzo di chiusura
  • 1.269,7Supporto 1
  • 1.256,7Supporto 2
  • 1,969Volatilità (giornaliera)
  • 4,58Value at Risk
  • +0,52%Rendimento (settimana)
  • +4,05%FTSE MIB (settimanale)
  • +24,52%Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa