Dobank +3,85% 12,67

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 22 febbraio 2019

Il commento dell'esperto

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 22 febbraio

Brillante rialzo per il Gruppo specializzato nei servizi per la gestione dei crediti problematici, che lievita in modo prepotente archiviando la sessione con un guadagno del 3,85%.
La partenza è stata in sintonia con i valori di chiusura precedenti con un successivo ampliamento della performance lungo l'arco della seduta, e conclusione in ascesa attorno al top della seduta di 12,67.
L'analisi del titolo eseguita su base settimanale mette in evidenza la trendline rialzista di doBank più pronunciata rispetto all'andamento dell'indice di riferimento. Ciò esprime la maggiore appetibilità verso il titolo da parte del mercato.

Analisi di Status e trend

La tendenza di breve di doBank è in rafforzamento con area di resistenza vista a 12,92, mentre il supporto più immediato si intravede a 12,16. Attesa una continuazione al rialzo verso quota 13,68.

Analisi del rischio

Gli investitori istituzionali non si dimostrano fortemente interessati a doBank visto che i volumi intraday pari a 64.147 risultano essere inferiori alla media mobile dei volumi ad un mese, mentre il livello di rischio appare contenuto, con la volatilità giornaliera pari a 2,219, indicativa di una direzionalità alquanto stabile del titolo.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 12,92Resistenza 1
  • 13,68Resistenza 2
  • 12,67Prezzo di chiusura
  • 12,16Supporto 1
  • 11,66Supporto 2
  • 2,219Volatilità (giornaliera)
  • 5,163Value at Risk
  • +4,71%Rendimento (settimana)
  • +0,33%FTSE Italia All-Share (settimanale)
  • +6,38%Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa