A2a +0,66% 1,6055

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 19 marzo 2019

Il commento dell'esperto

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 19 marzo

Moderatamente al rialzo la prestazione dell'utility lombarda, che chiude con una variazione percentuale dello 0,66%.
L'esordio è stato stabile rispetto alla conclusione del giorno precedente, seguito da un progressivo miglioramento nel corso della riunione.
Lo scenario su base settimanale di A2A rileva un allentamento della curva rispetto alla forza espressa dal FTSE MIB. Tale ripiegamento potrebbe rendere il titolo oggetto di vendite da parte degli operatori.

Analisi di Status e trend

Segnali di rafforzamento per la tendenza di breve con resistenza più immediata vista a 1,611, con un livello di supporto a controllo della fase attuale stimato a 1,594. L'equilibrata forza rialzista dell'azienda di servizi di pubblica utilità è supportata dall'incrocio al rialzo della media mobile a 5 giorni sulla media mobile a 34 giorni. Per le implicazioni tecniche assunte dovremmo assistere ad una continuazione della fase rialzista verso quota 1,628.

Analisi del rischio

Sotto controllo l'andamento di A2A.
I volumi giornalieri pari a 4.741.166, infatti, risultano essere inferiori alla media mobile dei volumi ad un mese fissata a 6.964.454, mentre lo scostamento tra i prezzi del titolo è poco ampio, con la volatilità giornaliera che assume un valore pari a 1,317.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 1,611Resistenza 1
  • 1,628Resistenza 2
  • 1,606Prezzo di chiusura
  • 1,594Supporto 1
  • 1,583Supporto 2
  • 1,317Volatilità (giornaliera)
  • 3,064Value at Risk
  • -0,93%Rendimento (settimana)
  • +2,89%FTSE MIB (settimanale)
  • +6,87%Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa