Azimut +0,69% 12,335

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 21 febbraio 2019

Il commento dell'esperto

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 21 febbraio

Frazionale rialzo per la società di servizi finanziari, che mette a segno un modesto profit a +0,69%.
L'apertura è stata in linea con la chiusura della sessione precedente, con rafforzamento intervenuto nel corso della giornata e chiusura a ridosso dei massimi di giornata.
Il confronto del titolo con il FTSE MIB, su base settimanale, mostra la maggiore forza relativa di Azimut rispetto all'indice, evidenziando la concreta appetibilità del titolo da parte dei compratori.

Analisi di Status e trend

Lo status tecnico di breve periodo della società italiana indipendente nel settore del risparmio gestito mette in risalto un ampliamento della performance positiva della curva con prima area di resistenza individuata a quota 12,43. Rischio di eventuale correzione fino al target 12,16. Le attese sono per un aumento della trendline rialzista verso l'area di resistenza 12,7.

Analisi del rischio

Gli investitori istituzionali non si dimostrano fortemente interessati a Azimut visto che i volumi intraday pari a 873.830 risultano essere inferiori alla media mobile dei volumi ad un mese, mentre il livello di rischio appare contenuto, con la volatilità giornaliera pari a 1,906, indicativa di una direzionalità alquanto stabile del titolo.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 12,43Resistenza 1
  • 12,7Resistenza 2
  • 12,34Prezzo di chiusura
  • 12,16Supporto 1
  • 11,98Supporto 2
  • 1,906Volatilità (giornaliera)
  • 4,433Value at Risk
  • +4,27%Rendimento (settimana)
  • +1,89%FTSE MIB (settimanale)
  • -31,47%Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa