Banca Farmafactoring +0,21% 4,68

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 18 gennaio 2021

Il commento dell'esperto

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 18 gennaio

La giornata del 18 gennaio chiude piatta per Banca Farmafactoring, che riporta un esiguo 0%.
Grosse difficoltà iniziali per il titolo che apre a 4,645 Euro vicino ai minimi di ieri prima di recuperare parzialmente il terreno perduto nel corso della seduta.
Lo scenario tecnico visto ad una settimana del titolo rispetto all'indice, evidenzia un rallentamento del trend di Banca Farmafactoring rispetto al FTSE Italia All-Share, e ciò rende il titolo potenziale obiettivo di vendita da parte degli investitori.

Analisi di Status e trend

L'analisi di medio periodo conferma la tendenza positiva di Banca Farmafactoring. Sebbene il breve periodo mette in risalto un allentamento della linea rialzista al test del top 4,713. Primo supporto visto a 4,658. Tecnicamente si prevede uno sviluppo negativo in tempi brevi verso il supporto 4,637.

Analisi del rischio

Gli investitori istituzionali non si dimostrano fortemente interessati a Banca Farmafactoring visto che i volumi intraday pari a 211.957 risultano essere inferiori alla media mobile dei volumi ad un mese, mentre il livello di rischio appare contenuto, con la volatilità giornaliera pari a 2,272, indicativa di una direzionalità alquanto stabile del titolo.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 4,713Resistenza 1
  • 4,768Resistenza 2
  • 4,68Prezzo di chiusura
  • 4,658Supporto 1
  • 4,637Supporto 2
  • 2,272Volatilità (giornaliera)
  • 5,286Value at Risk
  • -3,60%Rendimento (settimana)
  • -1,14%FTSE Italia All-Share (settimanale)
  • -13,97%Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa