Biomarin Pharmaceutical INV. 82,1

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 6 febbraio 2024

Il commento

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 6 febbraio

Controllato progresso per Biomarin Pharmaceutical, che chiude in salita dello 0,32%.
Nella giornata abbiamo assistito ad un avvio debole ed apertura a 0 Euro, sopra i minimi della seduta precedente, con rafforzamento delle quotazioni nel corso della sessione, e chiusura in crescendo a 80,38 in prossimità dei massimi di seduta.
L'analisi settimanale del titolo rispetto al FTSE MIB mostra un cedimento rispetto all'indice in termini di forza relativa di Biomarin Pharmaceutical, che fa peggio del mercato di riferimento.

Analisi di Status e trend

Lo status tecnico di Biomarin Pharmaceutical mostra segnali di peggioramento con area di supporto fissata a 79,09, mentre al rialzo l'area di resistenza è individuata a 82,69. Per la prossima seduta potremmo assistere ad un nuovo spunto ribassista con target stimato verosimilmente a 77,81.

Analisi del rischio

Biomarin Pharmaceutical risulta caratterizzato da una certa stabilità del trend, evidenziata dal basso livello di volatilità giornaliera fissata a 0,9426, con i volumi giornalieri che restano ancora bassi. Non sono dunque gli investitori istituzionali ad essere maggiormente interessati a questo tipo d'investimento, poiché i bassi volumi non comportano scostamenti di prezzi elevati.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 82,69Resistenza 1
  • 86,29Resistenza 2
  • 80,38Prezzo di chiusura
  • 79,09Supporto 1
  • 77,81Supporto 2
  • 0,9426Volatilità (giornaliera)
  • 2,193Value at Risk
  • -3,57%Rendimento (settimana)
  • +1,09%FTSE MIB (settimanale)
  • INV.Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa