Ebay -0,32% 44,03

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 4 marzo 2024 10.16

Il commento

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura dell'1 marzo

Giornata incolore per Ebay, che chiude la giornata dell'1 marzo con una variazione percentuale negativa dello 0,61% rispetto alla seduta precedente.
L'esordio è stato stabile rispetto alla conclusione del giorno precedente, seguito da un progressivo deterioramento nel corso della riunione e da un finale sottotono attorno al livello più basso di giornata.
Su base settimanale, il trend del titolo è più solido rispetto a quello del FTSE MIB. Al momento, quindi, l'appeal degli investitori è rivolto con più decisione a Ebay rispetto all'indice di riferimento.

Analisi di Status e trend

Lo status tecnico di Ebay è in rafforzamento nel breve periodo, con area di resistenza vista a 44,82, mentre il primo supporto è stimato a 41,35. Le implicazioni tecniche odierne propendono per un ampliamento della performance in senso rialzista, con resistenza vista a quota 48,29.

Analisi del rischio

Ebay risulta caratterizzato da una certa stabilità del trend, evidenziata dal basso livello di volatilità giornaliera fissata a 0,8981, con i volumi giornalieri che restano ancora bassi. Non sono dunque gli investitori istituzionali ad essere maggiormente interessati a questo tipo d'investimento, poiché i bassi volumi non comportano scostamenti di prezzi elevati.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 44,82Resistenza 1
  • 48,29Resistenza 2
  • 43,54Prezzo di chiusura
  • 41,35Supporto 1
  • 39,16Supporto 2
  • 0,8981Volatilità (giornaliera)
  • 2,089Value at Risk
  • +8,59%Rendimento (settimana)
  • +0,71%FTSE MIB (settimanale)
  • INV.Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa