Ferrari -0,13% 111,2

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 19 febbraio 2019

Il commento dell'esperto

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 19 febbraio

Sostanziale invarianza per il cavallino rampante di Maranello, che archivia la seduta con un trascurabile -0,13%.
L'apertura è stata in linea con la chiusura della sessione precedente, con mantenimento dei livelli per l'intero arco della giornata.
L'andamento di Ferrari nella settimana, rispetto al FTSE MIB, rileva una minore forza relativa del titolo, che potrebbe diventare preda dei venditori pronti ad approfittare di potenziali debolezze.

Analisi di Status e trend

Allo stato attuale lo scenario di breve di Ferrari rileva una decisa salita con obiettivo individuato a 111,6. In caso di momentanea correzione fisiologica il target più immediato è visto a quota 110,6. Le attese sono tuttavia per un innalzamento della curva fino al top 112,6.

Analisi del rischio

La rischiosità del titolo è attualmente sotto controllo, con la volatilità giornaliera che assume un valore pari a 2,006, mentre i volumi giornalieri restano ancora bassi, con i volumi dell'ultima seduta posizionati sotto la media mobile dei volumi ad un mese. L'equilibrato movimento di Ferrari evidenzia il mancato interesse sul titolo di investitori istituzionali, tale da permettere un maggior controllo sul trend anche se appare ordinato e senza forti scosse.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 111,6Resistenza 1
  • 112,6Resistenza 2
  • 111,2Prezzo di chiusura
  • 110,6Supporto 1
  • 110Supporto 2
  • 2,006Volatilità (giornaliera)
  • 4,666Value at Risk
  • +1,64%Rendimento (settimana)
  • +3,79%FTSE MIB (settimanale)
  • +6,05%Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa