Ferrari +0,20% 177,15

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 1 dicembre 2020

Il commento dell'esperto

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura dell'1 dicembre

La giornata dell'1 dicembre chiude piatta per il cavallino rampante di Maranello, che riporta un esiguo 0%.
Nella giornata abbiamo assistito ad un avvio con forza ed apertura a 178,5 Euro, vicino ai massimi della seduta precedente, seguito da un indebolimento che persiste nella giornata e chiusura più debole a 177,2 in prossimità dei minimi di seduta.
La tendenza del titolo analizzata su base settimanale mostra un andamento analogo a quello dell'indice di riferimento. Ciò significa che il titolo viene supportato da elementi provenienti dal mercato piuttosto che da notizie legate alla società stessa.

Analisi di Status e trend

L'analisi di medio periodo conferma la tendenza positiva di Ferrari. Sebbene il breve periodo mette in risalto un allentamento della linea rialzista al test del top 178,2. Primo supporto visto a 176,5. Tecnicamente si prevede uno sviluppo negativo in tempi brevi verso il supporto 175,8.

Analisi del rischio

Sotto controllo l'andamento di Ferrari.
I volumi giornalieri pari a 296.936, infatti, risultano essere inferiori alla media mobile dei volumi ad un mese fissata a 487.212, mentre lo scostamento tra i prezzi del titolo è poco ampio, con la volatilità giornaliera che assume un valore pari a 2,049.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 178,2Resistenza 1
  • 180Resistenza 2
  • 177,2Prezzo di chiusura
  • 176,5Supporto 1
  • 175,8Supporto 2
  • 2,049Volatilità (giornaliera)
  • 4,766Value at Risk
  • -0,39%Rendimento (settimana)
  • -0,20%FTSE MIB (settimanale)
  • +15,48%Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa