Marvell Technology INV. 62,96

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 28 febbraio 2024

Il commento

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 28 febbraio

Ribasso composto e controllato per Marvell Technology, che archivia la sessione in flessione del 3,66% sui valori precedenti.
La partenza è stata difficile per il titolo che ha esordito a 63,1 Euro, sotto il livello più basso della giornata precedente, conservato lungo tutta la riunione prima di recuperare a 63,1 attorno ai picchi della seduta.
Il confronto del titolo con il FTSE MIB, su base settimanale, mostra la maggiore forza relativa di Marvell Technology rispetto all'indice, evidenziando la concreta appetibilità del titolo da parte dei compratori.

Analisi di Status e trend

Lo studio di Marvell Technology presenta un indebolimento della trendline al test del bottom visto a quota 61,93. In presenza di spunti positivi si propende per una spinta in alto fino al top 64,88. Le previsioni sono per una continuazione della tendenza negativa verso il supporto 60,77.

Analisi del rischio

Gli investitori istituzionali non si dimostrano fortemente interessati a Marvell Technology visto che i volumi intraday pari a 10 risultano essere inferiori alla media mobile dei volumi ad un mese, mentre il livello di rischio appare contenuto, con la volatilità giornaliera pari a 1,499, indicativa di una direzionalità alquanto stabile del titolo.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 64,88Resistenza 1
  • 67,83Resistenza 2
  • 63,1Prezzo di chiusura
  • 61,93Supporto 1
  • 60,77Supporto 2
  • 1,499Volatilità (giornaliera)
  • 3,487Value at Risk
  • +5,55%Rendimento (settimana)
  • +1,87%FTSE MIB (settimanale)
  • INV.Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa