Prudential Financial INV. ---

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del ---

Il commento

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura dell'1 gennaio

Frazionale rialzo per Prudential Financial, che mette a segno un modesto profit a +0,5%.
Nella giornata abbiamo assistito ad un avvio debole ed apertura a 0 Euro, sopra i minimi della seduta precedente, con rafforzamento delle quotazioni nel corso della sessione, e chiusura in crescendo a 100,6 in prossimità dei massimi di seduta.
Lo scenario tecnico visto ad una settimana del titolo rispetto all'indice, evidenzia un rallentamento del trend di Prudential Financial rispetto al FTSE MIB, e ciò rende il titolo potenziale obiettivo di vendita da parte degli investitori.

Analisi di Status e trend

Le implicazioni di breve periodo di Prudential Financial sottolineano l'evoluzione della fase positiva al test dell'area di resistenza a 101. Possibile una discesa fino al bottom 99,8. Ci si attende un rafforzamento della curva al test di nuovi target a 102,2.

Analisi del rischio

Prudential Financial risulta caratterizzato da una certa stabilità del trend, evidenziata dal basso livello di volatilità giornaliera fissata a 0,6782, con i volumi giornalieri che restano ancora bassi. Non sono dunque gli investitori istituzionali ad essere maggiormente interessati a questo tipo d'investimento, poiché i bassi volumi non comportano scostamenti di prezzi elevati.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 101Resistenza 1
  • 102,2Resistenza 2
  • 100,6Prezzo di chiusura
  • 99,8Supporto 1
  • 99Supporto 2
  • 0,6782Volatilità (giornaliera)
  • 1,578Value at Risk
  • -1,38%Rendimento (settimana)
  • +2,09%FTSE MIB (settimanale)
  • INV.Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa