The Walt Disney +0,02% 88,03

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 22 luglio 2024

Il commento

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 22 luglio

Frazionale ribasso per The Walt Disney, che chiude gli scambi con una perdita dell'1,10%.
L'inizio di giornata è stato pesante per il titolo, che ha segnato un primo prezzo a 88,03 Euro, sotto il valore inferiore di ieri, muovendosi poi lateralmente per tutta la sessione, prima di invertire la rotta e concludere sulla vetta della giornata a 88,03.
Il trend di The Walt Disney mostra un andamento in sintonia con quello del FTSE MIB. Questa situazione classifica il titolo come un asset a basso valore alfa che non genera alcun valore aggiunto, in termini di rendimento rispetto all'indice di riferimento.

Analisi di Status e trend

Lo scenario di breve periodo di The Walt Disney evidenzia un declino dei corsi verso area 87,32 con prima area di resistenza vista a 89,46. Le attese sono per un ampliamento della fase negativa verso il supporto visto a 86,6.

Analisi del rischio

The Walt Disney risulta caratterizzato da una certa stabilità del trend, evidenziata dal basso livello di volatilità giornaliera fissata a 1,391, con i volumi giornalieri che restano ancora bassi. Non sono dunque gli investitori istituzionali ad essere maggiormente interessati a questo tipo d'investimento, poiché i bassi volumi non comportano scostamenti di prezzi elevati.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 89,46Resistenza 1
  • 91,6Resistenza 2
  • 88,03Prezzo di chiusura
  • 87,32Supporto 1
  • 86,6Supporto 2
  • 1,391Volatilità (giornaliera)
  • 3,237Value at Risk
  • -1,53%Rendimento (settimana)
  • -1,05%FTSE MIB (settimanale)
  • INV.Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa