Unicredit -3,89% 13,184

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 21 febbraio 2020

Il commento dell'esperto

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 21 febbraio

Chiusura in profondo rosso per l'istituto di credito, che al termine della seduta esibisce una variazione percentuale negativa del 3,89%.
L'esordio è stato debole per il titolo che ha preso avvio a 13,57 Euro attorno al bottom della sessione scorsa deteriorando la propria performance nel corso della sessione.
La tendenza ad una settimana di Unicredit è più fiacca rispetto all'andamento dell'indice di riferimento. Tale cedimento potrebbe innescare opportunità di vendita del titolo da parte del mercato.

Analisi di Status e trend

Il quadro tecnico della banca di Piazza Gae Aulenti segnala un ampliamento della linea di tendenza negativa con discesa al supporto visto a 12,86, mentre al rialzo individua l'area di resistenza a 13,83. Le previsioni sono di un possibile ulteriore ripiegamento con obiettivo fissato a 12,54.

Analisi del rischio

Il trend di Unicredit appare piuttosto stabile nell'ultimo periodo, con un livello di volatilità giornaliera decisamente contenuto a 1,966. I volumi giornalieri pari a 38.008.488, risultano superiori alla media mobile dei volumi ad un mese fissata a 18.944.323, situazione che invoglia ad un'operatività di medio periodo per l'interesse mostrato da parte degli investitori.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 13,83Resistenza 1
  • 14,79Resistenza 2
  • 13,18Prezzo di chiusura
  • 12,86Supporto 1
  • 12,54Supporto 2
  • 1,966Volatilità (giornaliera)
  • 4,573Value at Risk
  • -5,06%Rendimento (settimana)
  • -0,38%FTSE MIB (settimanale)
  • +18,63%Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa