Unidata +3,16% 52,2

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 25 gennaio 2022 17.07

Il commento

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 24 gennaio

Aggressivo ribasso per l'operatore di telecomunicazioni, cloud e servizi IoT, che flette in maniera scomposta, archiviando la sessione con una perdita del 4,17%.
Nella giornata abbiamo assistito ad un avvio con forza ed apertura a 53 Euro, sotto i massimi della seduta precedente, seguito da un indebolimento che persiste nella sessione e chiusura più debole a 50,6 in prossimità dei minimi di seduta.
Il movimento di Unidata, nella settimana, segue nel bene e nel male l'andamento del FTSE Italia Growth, rendendo il titolo fortemente influenzato dal mercato di riferimento e meno da notizie inerenti alla società stessa.

Analisi di Status e trend

Il quadro tecnico di Unidata suggerisce un'estensione della linea ribassista al test del pavimento 49,8 con tetto rappresentato dall'area 52,2. Le previsioni sono per un prolungamento della fase negativa al test di nuovi minimi individuati a quota 49.

Analisi del rischio

Gli investitori appaiono piuttosto nervosi e fortemente incerti sulle posizioni da assumere, visto che le decisioni di vendita e di acquisto si susseguono repentinamente portando la volatilità intraday a 2,419. Intensi gli scambi giornalieri pari a 2.004, superiori rispetto alla media mobile dei volumi ad un mese pari a 1.008.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 52,2Resistenza 1
  • 54,6Resistenza 2
  • 50,6Prezzo di chiusura
  • 49,8Supporto 1
  • 49Supporto 2
  • 2,419Volatilità (giornaliera)
  • 5,627Value at Risk
  • -4,53%Rendimento (settimana)
  • -4,98%FTSE Italia Growth (settimanale)
  • +162,86%Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa