Espe +0,31% 3,25

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 12 luglio 2024

Il commento

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 12 luglio

Piccolo passo in avanti per Espe, che porta a casa un timido +0,31%.
La partenza è stata difficile per il titolo che è partito a 3,16 Euro, sopra il livello più basso della giornata precedente, per poi migliorare progressivamente nel corso della giornata e terminare in ascesa a 3,25 vicino ai massimi intraday.
L'analisi settimanale del titolo rispetto al FTSE Italia Growth mostra un cedimento rispetto all'indice in termini di forza relativa di Espe, che fa peggio del mercato di riferimento.

Analisi di Status e trend

Il panorama di medio periodo conferma la tendenza rialzista di Espe. Tuttavia, l'esame della curva a breve, evidenzia un rallentamento della fase positiva al test della resistenza 3,347, con il supporto più immediato individuato in area 3,167. All'orizzonte è prevista un'evoluzione negativa nel breve termine verso il bottom identificato a quota 3,083.

Analisi del rischio

Espe risulta essere al centro dell'attenzione soprattutto di quegli investitori propensi al rischio, visto il livello di volatilità giornaliera che si posiziona a 4,868. L'operatività va vista soprattutto in un'ottica di breve periodo poiché i volumi intraday 3.750 risultano inferiori rispetto alla media mobile dei volumi dell'ultimo mese fissata a 15.660.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 3,347Resistenza 1
  • 3,527Resistenza 2
  • 3,25Prezzo di chiusura
  • 3,167Supporto 1
  • 3,083Supporto 2
  • 4,868Volatilità (giornaliera)
  • 11,32Value at Risk
  • -5,52%Rendimento (settimana)
  • +0,36%FTSE Italia Growth (settimanale)
  • INV.Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa