Piquadro +0,90% 2,25

  • Dati differiti di 15 minuti
  • Dato del 24 maggio 2019

Il commento dell'esperto

a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

Chiusura del 24 maggio

Piccolo passo in avanti per il produttore italiano di pelletteria, che porta a casa un misero +0,9%.
La partenza è stata difficile per il titolo che è partito a 2,19 Euro, sopra il livello più basso della giornata precedente, per poi migliorare progressivamente nel corso della giornata e terminare in ascesa a 2,25 vicino ai massimi intraday.
Su base settimanale, il trend del titolo è più solido rispetto a quello del FTSE Italia All-Share. Al momento, quindi, l'appeal degli investitori è rivolto con più decisione a Piquadro rispetto all'indice di riferimento.

Analisi di Status e trend

Allo stato attuale lo scenario di breve di Piquadro rileva una decisa salita con obiettivo individuato a 2,303. In caso di momentanea correzione fisiologica il target più immediato è visto a quota 2,143. Le attese sono tuttavia per un innalzamento della curva fino al top 2,463.

Analisi del rischio

Gli investitori istituzionali non si dimostrano fortemente interessati a Piquadro visto che i volumi intraday pari a 42.660 risultano essere inferiori alla media mobile dei volumi ad un mese, mentre il livello di rischio appare contenuto, con la volatilità giornaliera pari a 1,633, indicativa di una direzionalità alquanto stabile del titolo.

Il grafico analitico

Gli indicatori

  • 2,303Resistenza 1
  • 2,463Resistenza 2
  • 2,25Prezzo di chiusura
  • 2,143Supporto 1
  • 2,037Supporto 2
  • 1,633Volatilità (giornaliera)
  • 3,8Value at Risk
  • +8,70%Rendimento (settimana)
  • -3,19%FTSE Italia All-Share (settimanale)
  • +22,95%Rendimento (anno)
AVVISO
Le informazioni, in quanto frutto di stime e giudizi espressi al momento in cui vengono analizzate, possono essere soggette a cambiamenti e modifiche senza preavviso.
Qualsiasi decisione d'investimento presa sulla base delle presenti informazioni è di esclusiva responsabilità dell'utente del sito.
Tali informazioni non sono pertanto da intendersi in nessun modo come una sollecitazione al pubblico risparmio o all'investimento.
Teleborsa